Un gradito ritorno in casa EsseTi Pallavolo Nardò. Ecco Raoul Cuppone

E’ un gradito ritorno quello di Raoul Cuppone, centrale classe 1990 per 180 cm, proveniente dalle giovanili del Galatone sua città d’adozione e lanciato in un campionato regionale nella stagione 2010/2011 proprio da Nardò (quinto posto, play off promozione e final four di Coppa Puglia), per poi maturare la sua lunga carriera soprattutto nei campionati regionali, serie D con la Galatea Volley 2011/2012, Copertino Volley 2012/2013, ancora EsseTi Nardò 2016/2017, Salenthor Aradeo 2017/2018 e per finire Green Volley Galatone nella scorsa stagione con la conquista della promozione in serie C e secondo posto Coppa Puglia.  Nella prossima stagione Raoul vestirà nuovamente la maglia del suo primo amore, quella della EsseTi Pallavolo Nardò, dove aveva mosso i suoi primi passi in un campionato che conta. Una carriera purtroppo costellata anche da lunghi infortuni dai quali, sacrificandosi in campionati minori, si è sempre saputo riprendere.  

Raoul ha voluto sposare il progetto neretino rimettendosi in gioco ancora una volta a disposizione di coach Sandra Torchia.

E dalle sue parole traspare la voglia di cominciare questa nuova avventura: “Sono rimasto piacevolmente colpito dal progetto EsseTi, e non vedo l’ora di iniziare. Penso che tutti insieme, ci toglieremo grandi soddisfazioni in questa stagione.”

Orgogliosa di questo rientro, le dichiarazioni a gran voce della coach Torchia che punta sulla personalità carismatica di Cuppone come traghettatore dallo spogliatoio al campo, oltre che come valida soluzione a diverse situazione tattiche: “Quello di Rauol è un ottimo ritorno, è un atleta di grande esperienza con grandi doti tecniche e umane, sarà sicuramente un rientro di grande impatto; avrà un ruolo positivo in campo e sarà di grande riferimento anche per la squadra”.

E per chiudere in bellezza, giunge proprio in questi minuti anche la riconferma dello schiacciatore mancino, il vegliese Simone Rienzo classe 1993.

Categorie: Articoli

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *